28. July 2016 · Comments Off on Come Scegliere Abbigliamento Hip Hop · Categories: Abbigliamento

L’abbigliamento hip hop dai vestiti larghi e comodi si è diffuso molto negli ultimi anni. Non più relegato al Bronx di New York, quartiere il cui la cultura hip hop è nata, è possibile acquistarlo senza alcun tipo di difficoltà anche su internet.

Dove nasce

L’abbigliamento hip hop è un abbigliamento molto particolare fatto di abiti larghi e comodi e accessori estrosi. È adatto, quindi, a persone originali che non si sentono a disagio se sono al centro dell’attenzione altrui. Ma l’estrosità e l’originalità di questo tipo di abbigliamento non devono confondere le idee sulle sue origini. Questo modo di vestire, infatti, è il simbolo di una cultura, la cultura hip hop, che ha una sua storia ben precisa e che non dovrebbe essere dimenticata. La cultura hip hop nasce agli inizi del 1970 nel Bronx, un quartiere di New York conosciuto come un quartiere “difficile”, dalle comunità latino americane e afro americane insediatesi in questa metropoli. Proprio agli inizi degli anni ’70, infatti, queste comunità iniziano ad organizzare le prime feste in strada con musica rap a tutto volume. É un modo di aggregazione, un modo per stare insieme ballando e facendo amicizia per aiutarsi a sopravvivere in un quartiere in cui le condizioni economiche non sono certo favorevoli e la vita sembra davvero essere difficile. Musica, balli e, ovviamente, i primi graffiti sui muri cittadini.

Negli anni ’80 la cultura hip hop si espanderà sempre di più e questa espansione si moltiplicherà con l’interessamento dei mass media verso questa cultura. Si espande fino ai giorni nostri, ma siamo orami lontani dalle origini nel ghetto. L’hip hop si trasforma, quindi, da cultura ad ideologia, a stile di vita, portando la musica e l’abbigliamento caratteristico in giro per tutto il mondo. Oggi è spesso solo una questione di moda, ma l’abbigliamento hip hop nato nel ghetto di New York rappresentava proprio l’appartenenza ad una cultura e voleva conferire a chi lo indossava la forza, il coraggio e perchè no anche un minimo di strafottenza per poter sopravvivere in ambienti di quel tipo. Un senso, quindi, che si è perso nel tempo diventando più che altro una questione di moda e di stile di vita legato al mondo della musica. Ma dobbiamo ammettere che i valori della cultura hip hop non sono comunque andati perduti.

Abbigliamento hip hop da uomo

I capi base dell’abbigliamento hip hop da uomo sono senza dubbio i jeans e le felpe. I jeans dello stile hip hop sono jeans ampi, larghi e lunghi dal cavallo basso e che devono essere portati sulle anche in modo da scendere un pò e mostrare un minimo di biancheria intima, biancheria spesso portata di colori sgargianti proprio per essere notata oppure con alte bande elastiche. Solitamente fermati con una cintura possono avere anche una piccola catenella di acciaio attaccata ad uno dei passanti con un moschettone a cui attaccare il portafoglio. Una possibile alternativa ai jeans possono essere i pantaloni di velluto sempre, però, dello stesso modello. In estate i jeans si accorciano, ma non troppo. L’abbigliamento hip hop da uomo infatti prevede per l’estate jeans dello stesso modello che arrivino una decina di centimetri sotto il ginocchio.

Anche le felpe dell’abbigliamento hip hop sono ampie e comode e sono provviste quasi sempre di grandi scritte o disegni stampati sia sul davanti che sul retro. Spesso sono dotate di cappuccio che alcune persone amano portare tirato su nei periodi invernali. L’abbigliamento hip hop prevede, ovviamente, anche i maglioni di lana. Anche questi sono molto larghi e sono solitamente, però, tutti di un colore senza particolari scritte o stampe. Per quanto riguarda le maglie di cotone a maniche lunghe o le t-shirt anche qui si prediligono, come per le felpe, taglie grandi e comode con scritte o disegni stampati. Spesso le scritte, sia quelle sulle magliette che quelle sulle felpe, non sono nient’altro se non il marchio della marca produttrice. I giacchetti invernali sono solitamente piumini molto larghi col cappuccio oppure giacche a vento pesanti tipo quelle adatte per lo sci, mentre l’estate è preferibile utilizzare solo la felpa. Anche le tute sportive sono parte integrante dell’abbigliamento hip hop soprattutto per coloro che amano ballare la break dance ed hanno la necessità di allenarsi molto. Ovviamente anche in questo caso di tratta di capi ampi e comodi.

Abbigliamento hip hop da donna

Per l’abbigliamento hip hop da donna esistono due categorie diverse di capi. Molte donne che amano vestire seguendo la cultura hip hop, infatti, non si vestono in modo molto differente dagli uomini, tutt’altro. Al massimo possono portare felpe e t-shirt modellate sul corpo femminile, quindi, molto più strette e corte. Ma questo è solo una corrente dell’abbigliamento hip hop da donna.

Un’altra parte consistente di donne, infatti, ama vestire in modo molto più femminile. Ed ecco allora che vediamo felpe e magliette con grandi scritte e disegni stampati ma molto strette. Non solo le felpe ma anche alcune t-shirt hanno il cappuccio. I jeans non sono larghi, ma stretti in modo da mettere in risalto le curve e le gonne sono sportive ma portate veramente molto corte. Sono due tipi di abbigliamento molto differente. Sono due modi diversi di vedersi all’interno di una stessa cultura. La donna che è parte integrante di quella cultura e che vuole essere in tutto e per tutto uguale all’uomo anche nel coraggio e nella forza in cui affronta la vita. E la donna che se pur crede a questa stessa ideologia pensa anche di dover mettere in evidenza la propria femminilità perchè è proprio in quella femminilità che sta la sua forza. Ma è anche vero che molte donne amano entrambi questi tipi di abbigliamento e, quindi, scelgono il primo per i momenti di relax e il secondo per le feste o le serate in discoteca. Le donne che amano l’abbigliamento hip hop dimostrano, quindi, che questo tipo di abbigliamento può essere molto camaleontico e adatto a svariate situazioni differenti.

Anche nell’abbigliamento hip hop da donna rientrano a pieno titolo le tute sportive. La prima categoria di abbigliamento vedrà tute ampie simili a quelle da uomo per quanto riguarda i pantaloni ma con felpe molto strette e corte sopra. La seconda categoria di abbigliamento invece vedrà felpe dello stesso tipo ma i pantaloni possono anche essere stretti e zampa di elefante. I colori sono solitamente molto vivaci.

Accessori

Gli accessori sono fondamentali nell’abbigliamento hip hop. Innanzitutto ci sono i cappelli che possono essere sia beanie che cappelli con tesa. Il cappello è consideato come un accessorio indispensabile soprattutto per gli uomini. I beanie sono i cappelli di maglia in cotone o in lana. Sono cappelli stretti che devono calzare perfettemente. Sono di solito molto semplici tutti di un colore. Alcuni modelli possono anche essere provvisti di tesa. I cappelli di cotone con tesa sono un accessorio classico della cultura hip hop. Ne esistono di moltissimi colori e con stampe di vario tipo e sono di solito portati con la tesa piegata e anche di traverso o addirittura all’indietro.

Una valida alternativa ai cappelli possono essere le bandane oppure le du-rag. Quest’ultime altro non sono che badane già costruite cioè già chiuse che hanno una “coda” molto lunga e che solitamente calzano in modo perfetto perchè leggermente elastiche. Sono particolarmente utili per ballare e spesso vengono messe come protezione tra la testa e il caschetto da break dance o tra la testa e i cappelli.

Sempre collegato al mondo della break dance, ma divenuto sempre più ormai un accessorio di moda, è il polsino in spugna. Anche le cinture sono un accessorio fondamentale dell’abbigliamento hip hop inoltre molto utili proprio a causa delle grandi taglie degli abiti. Le cinture possono essere di svariati tipi diversi. Da quelle più semplici tutte di un colore magari neutro a quelle invece con fibbie molto grandi magari con scritte o disegni.

Per quanto riguarda, invece, gli occhiali da sole, sono solitamente occhiali molto colorati o comunque estrosi sia da uomo che da donna. Lo stesso tipo di estrosità la si trova nei gioielli che sono molto grandi e pesanti. Collane e braccialetti sono solitamente catene di acciaio anche di grandi dimensioni e gli orecchini hanno grandi brillanti. Anche i gioielli da donna sono molto vistosi. Le collane da donna hanno solitamente ciondoli con scritte molto grandi e gli orecchini sono pendenti e cerchi che possono arrivare anche a toccare il collo.

Dove comprare e prezzi

Sono veramente molti i negozi in cui è possibili acquistare abbigliamento hip hop. Quasi sempre non si tratta di negozi mono marca, bensì di negozi che gestiscono più marche diverse e che vendono anche abbigliamento da surf, da snowboard e da skate, tutti sport, questi, che oggi ruotano attorno alla cultura hip hop. Molti negozi sportivi, inoltre, possiedono abbigliamento hip hop dato che come abbiamo visto le felpe e le tute sono parte integrante di questo tipo di abbigliamento.

Internet è un posto validissimo dove poter trovare negozi online per comprare abbigliamento hip hop. Su internet è possibile comprare questo abbigliamento sia rivolgendosi direttamente alle marche produttrici sia rivolgendosi ai siti internet che trattano di hip hop. Quasi sempre su questi siti infatti c’è una sezione dedicata all’e-commerce.

Se è vero che trovare capi di abbigliamento hip hop è così semplice è vero anche che lo è molto meno poterselo permettere. Proprio su questa questione, infatti, nasce qualche contraddizione. Abbiamo detto che l’abbigliamento hip hop trova le sue origini nel ghetto di New York, nel Bronx, all’interno di condizioni economiche non particolarmente agiate. Eppure oggi è difficile potersi permettere un abbigliamento di questo tipo. Si tratta quasi sempre, infatti, di capi firmati e costosi. Le felpe che costano meno per esempio hanno comunque un prezzo che ruota intorno ai 50 euro. Questo sicuramente è dovuto al forte espandersi della cultura hip hop e soprattutto al fatto che il mondo della musica, che oggi detta molte regole anche in fatto di moda, è sempre più incentrato proprio su questa cultura. Possiamo dire in generale che i jeans hanno un prezzo che va dai 50 euro ai 150 euro circa, le felpe hanno prezzo che oscilla tra i 50 e i 100 euro, le magliette hanno un prezzo che oscilla tra i 25 euro e i 50 euro. Anche per quanto riguarda i vari tipi di accessori i prezzi oscillano da un minino di 25 euro fino più o meno ai 70 euro. Ovviamente i prezzi variano moltissimo a seconda delle marche.

14. July 2016 · Comments Off on Come Scegliere Abito da Cerimonia · Categories: Abbigliamento

L’abbigliamento per cerimonia riguarda un settore molto particolare al quale ci si rivolge qualora si deve partecipare a un evento importante o a una cerimonia. Si differenzia dagli altri capi per qualità dei tessuti e anche per il suo costo proprio perchè l’abito da cerimonia deve differenziarsi dagli abiti di tutti i giorni. Vediamo insieme come scegliere gli abiti da cerimonia e le caratteristiche che devono avere.

Abiti cerimonia

Gli abiti da cerimonia servono per essere vestiti in maniera adeguata secondo la circostanza dell’evento cui siamo stati invitati. Non si tratta naturalmente di un obbligo, ma indossare un abito da cerimonia adeguato serve innanzitutto a essere uguali agli altri ospiti in termini di eleganza e a dimostrare un certo ‘ringraziamento’ verso coloro che ci hanno rivolto l’invito. L’abito in questi casi ‘fa il monaco’ perché determina una certa formalità, l’uso della cravatta non è certo abituale per chi svolge un lavoro in fabbrica, quindi serve anche a creare una certa ‘uguaglianza’ sociale tra i commensali.

Nella nostra tradizione siamo abituati a considerare cerimonia diversi avvenimenti che segnano la vita di ciascuno di noi, a partire dai sacramenti, alle feste per la laurea o per un evento importante, ciascuna richiede un adeguato vestiario. L’abbigliamento da cerimonia serve a distinguerlo da quello ordinario, casual o magari elegante che adottiamo nella vita di tutti i giorni, proprio perché dev’essere indossato per un giorno unico e speciale.

Per la donna l’abito da cerimonia è fondamentale per non sfigurare dinanzi alle altre, ecco perché si fa volentieri un tour de force per girare quanti più negozi possibili pur di evitare di ritrovarsi a indossare lo stesso abito della vicina di tavolo, anche perché la donna ha una scelta maggiore rispetto all’uomo che nell’abito da cerimonia ritrova il classico vestito, con alcune varianti oppure lo smoking. Se s’indossa un abito da cerimonia e poi durante lo svolgimento dell’evento inizia a togliersi la giacca o la cravatta, si adotta uno stile formale che certo non si potrà addire al luogo dove ci si trova, quindi attenzione a mantenere la giusta compostezza altrimenti sarà stato vano il sacrificio di acquistare un abito specifico per quella festa. Lo stesso discorso può essere fatto per i bambini fino a una certa età, che devono vestire in maniera elegante, anche se a loro è concesso, a differenza degli adulti, l’uso di colori accesi e vivaci.

Caratteristiche

L’abito per la cerimonia si contraddistingue da un vestiario normale per diverse caratteristiche: il tessuto, le rifiniture, il modello, i colori, le fantasie, il costo. Iniziamo esaminanda ogni singola caratteristica per imparare a distinguere un abito da cerimonia rispetto a un semplice abito che invece può essere considerato solo elegante.

Il tessuto usato per questo genere di vestiti, sia per le donne sia per gli uomini, predilige quelli molto leggeri e preziosi come la seta. In questa variante può essere proposto lo shantung in seta, oppure certamente meno costoso, il raso. Difficilmente un abito da cerimonia è realizzato in cotone, perché è un tessuto molto comune quindi non si addice certamente alla cerimonia.

Le rifiniture degli abiti da cerimonia per donna e uomo sono curate nei dettagli e anche guardando, l’abito a rovescio ci si accorge che non ci sono fili che penzolano o cuciture mancate. I modelli sono standard cioè per la donna l’abito da cerimonia è certamente in lungo, scollato e prezioso, per l’uomo è composto dall’abito con gilet o dal taide. Ovviamente ciascuno può essere libero di scegliere il modello che preferisce, ma i canoni dell’abbigliamento da cerimonia da sempre indicano queste due soluzioni per l’uomo e per la donna.

Attenzione ai colori, diffidate dalle tinte sgargianti di verde e celeste, l’abito da cerimonia predilige le tinte come il rosso, il rosa, il nero, il blu scuro, la scelta poi dipende anche dall’età di chi deve indossare il vestito ovviamente. Le fantasie sono ammesse poiché la maggior parte dei tessuti in seta è a fantasia, senza però essere troppo eccessivi.

Il costo di un abito da cerimonia lo contraddistingue da un abito elegante; si parte dai 1.000 euro in su, il costo è così elevato perché spesso se ci sono dei ricami sono stati eseguiti a mano e questo ha un costo certamente differente rispetto a un bustino a serie. Tenendo presente tutti questi elementi non si rischia di comprare un abito che ci faccia fare una brutta figura.

Abiti cerimonia per uomo e per donna

L’abito da cerimonia si cambia a seconda se deve essere acquistato da un uomo o da una donna. Iniziamo questo percorso dai differenti tipi di abiti da cerimonia che interessano l’uomo: abito classico, taid. L’abito classico è composto da camicia, cravatta, giacca e pantalone, di solito è abbinato anche il gilet. È proprio quest’ultimo elemento che rende il vestito molto più formale perché altrimenti questo genere di abbigliamento è usato anche spesso in determinati lavori e non solo per la cerimonia. Il taid è un modello importante perché deve essere indossato da un uomo abbastanza alto, è composto da questa giacca lunga sul retro, da un pantalone classico, anche se oggi la tendenza lo abbina a dei pantaloni stretti, camicia, gilet. I colori spaziano su tonalità piuttosto scure, che arrivano anche al marrone bruciato. Per la cerimonia, se si tratta dello sposo, anche il bianco è un’alternativa molto interessante da tener presente.

La donna ha una scelta certamente più ampia, può decidere tra l’abito da cerimonia con la gonna oppure con il pantalone. È molto difficile scegliere l’abito giusto. Se si tratta di dover indossare un pantalone, solitamente è in tessuto morbido, modello a palazzo, non a vita bassa, abbinato a dei top preziosi, ricamati, e con delle stole o dei copri spalle. Per chi ama il lungo, le tipologie sono infinite, si può scegliere la gonna lunga o la longuette da abbinare a un top oppure a un bustino, l’abito intero, con le bretelle oppure scollato. L’abito lungo deve essere in tinte non troppo accese, molto particolari i modelli con dei ricami o delle paiettes. Da evitare assolutamente i modelli troppo aderenti, potrebbero essere volgari. Ovviamente l’abito deve essere scelto in base alla propria fisicità, non necessario a una cerimonia ostentare a tutti i costi le proprie curve perché l’abito da cerimonia è eleganza e raffinatezza. I modelli che saranno proposti saranno differenti per linea e colori, quindi è fondamentale indossare modelli diversi per capire quello che sta meglio e quello che s’indossa con maggiore disinvoltura.

Dove comprare

Esistono negozi specializzati che vendono esclusivamente abiti da cerimonia. Qui, si possono trovare davvero tutti i modelli e i colori che si desiderano. Sono venduti anche dai negozi che si occupano dello sposo e della sposa e dedicano un particolare settore alla cerimonia per vestire gli invitati. Nei classici negozi di abbigliamento casual potrebbe esserci anche un angolo per la cerimonia ma, in questo caso, la scelta è certamente limitata.

On line sono molti i siti che pubblicizzano abbigliamento da cerimonia, in questo caso bisogna saper scegliere bene la taglia e osservare bene la foto per capire cosa ci si aspetti che arrivi a casa.

Esistono anche degli atelier che realizzano degli abiti da cerimonia, si tratta di vestiti unici che sono disegnati esclusivamente per chi li commissiona. Una sarta è a totale disposizione per esaudire qualsiasi desiderio. In questo caso l’abito acquista un valore aggiunto, quella dell’artigianalità e dell’esclusività. Non è obbligatorio recarsi in un negozio specializzato ma solo in questo si ha la possibilità di visionare diversi modelli, o magari scegliere qualche modello visto su qualche rivista di moda.

È importante rivolgersi possibilmente in un negozio di fiducia, in questo modo si riceveranno anche dei consigli e magari eventuali lavori di sartoria saranno svolti direttamente presso il negozio. In molti punti vendita, che rappresentano un franchising di negozi di abbigliamenti da cerimonia, si ha la possibilità, se si vive in due città diverse per lavoro, di trovare lo stesso abito, una comodità se si desidera avere anche il consiglio di qualcuno che non vive nel tuo stesso luogo.

Infine, ci sono gli outlet, dove si possono fare degli ottimi affari tenendo presente che molti hanno marchi molto famosi dell’italiana e non solo. Facendo riferimento alle caratteristiche prima elencate sarà facile trovare un abito da cerimonia a dei prezzi accessibili. Per i bambini ci si può rivolgere presso i negozi di abbigliamento che solitamente dedicano un angolo alla cerimonia sia per la bimba sia per il bimbo.

Prezzi degli abiti per cerimonia

Come accennavamo nell’introduzione, il costo è uno degli elementi che contraddistingue l’abito per cerimonia. A far lievitare le cifre sono il tessuto, ma anche l’originalità del modello, ecco perché generalmente per un abito da cerimonia da uomo i costi partono dai 1.000 euro. Per la donna che sceglie l’abito lungo impreziosito da ricami, può partire anche da 1.500 euro. La cifra d’arrivo in realtà non esiste perché più prezioso è l’abito, più sarà costoso. Il prezzo iniziale raggiunge i 2000 euro sia per l’uomo sia per la donna qualora si tratti di vestiti firmati, quindi ovviamente varia secondo la firma se è famosa.

Va fatta una precisazione per quel che riguarda il costo degli abiti da cerimonia per le taglie comode, hanno un costo più elevato. I prezzi di un abito realizzato su misura dipendono dalla sarta che lo realizza quindi prima di prendere questa decisione è bene chiedere quale sarà il costo, certamente non inferiore a un abito che si acquista in negozio. L’unica soluzione, che permette di risparmiare qualche soldino, è l’outlet. Il prezzo outlet è ribassato generalmente del 30% rispetto alla boutique ecco perché se ci si orienta su un modello da negozio, è meglio dare uno sguardo anche a un outlet, il risparmio è certamente sostanzioso.

Un’altra strada potrebbe essere internet. A tal proposito ci sono siti all’estero che realizzano abiti su misura a un costo inferiore ai 400 euro. Si tratta comunque di una soluzione da prendere con cautela, però potrebbe rivelarsi anche un’ottima opportunità.

Il prezzo scende se si acquista un abito usato che possiamo trovare nei numerosi mercati della città oppure nei negozi specializzati che vendono solo abbigliamento per cerimonia usata. Ancora pochi sono i punti in Italia che consentono di affittare l’abito da cerimonia, questa è proprio la soluzione migliore perché hai la possibilità di indossare un abito preziosissimo e pagarne solo il noleggio.

28. June 2016 · Comments Off on Come Vestirsi per un Cocktail · Categories: Abbigliamento

Reputi interessante avere una indicazione sommaria del modo più indicato per abbigliarsi per un ‘evento’? A me è capitato tante volte di aver avuto un invito all’ultimo minuto e di essere andata in crisi perchè non avevo idea di cosa era necessario indossare per non fare brutte figure! Questa mini guida vorrebbe essere utile per avere almeno una idea su cosa indossare.

L’ abbigliamento che suggerisco in questa guida è adatto per un cocktail che abbia carattere di grande ricevimento sia privato che ufficiale. I gioielli possono essere notevoli e preziosi, le scarpe di seta o di velluto o luccicanti. L’acconciatura dei capelli dovebbe essere particolare o impreziosita.

Questa del grande cocktail è inoltre l’ora e l’occasione per portare certi cappelli particolari e preziosi. Anche per i ‘pranzi in piedi’ e per i grandi ricevimenti dopo pranzo si usa un abbigliamento piuttosto sontuoso come per il cocktail. Ai grandi balli si mette di regola l’abito lungo da sera e tutti gli accessori possono avere il massimo risalto e splendore. Indicatissimi i gioielli più sfolgoranti.

Al teatro dell’opera ci si veste con abito lungo da gran sera; abito corto da sera per serate più informali. Per le eventuali pellicce o giacche, boleri, stole di pelliccia vale la solita distinzione giorno e sera. Tra le pellicce di pregio, per il giorno è indicata la pelliccia a riccio grosso e linea sportiva; per la sera, zibellino, cincillà, ermellino; adatte sia per giorno, sia per sera: visone, lontra, castoro. Le pellicce da sera non si mettono mai di giorno.

14. June 2016 · Comments Off on Vestirsi Bene Senza Spendere Troppo · Categories: Abbigliamento

La nostra società è molto influenzata dai canoni dettati dalla moda, solo che è molto difficile seguirli visto l’elevato prezzo che hanno i capi più in voga. Vediamo come risulta essere possibile fare bella figura di questi tempi. Con questa guida vi illustrerò come apparire spendendo poco, molto meno di 100 euro.

Accessori.
Per apparire più che su i capi d’abbigliamento si deve puntare sugli accessori, quindi è d’obbligo avere nell’armadio un bel set di sciarpe di vari colori e forme, da adattare ad ogni situazione. Una bella sciarpa costa dai 10 ai 20 euro.
Un altro accessorio da avere assolutamente è una classica cintura nera, anche questa si aggira intorno ai 10/15 euro nei negozi.

Classico jeans e maglietta.
Come indumento da indossare nella parte superiore del corpo, opterei per una classicissima maglietta a maniche lunghe in tinta unita, per questa non spenderete più di 15 euro ed è facile trovarla in tutti i negozi d’abbigliamento.
Mentre per la parte inferiore del corpoun bel paio di jeans è sempre in voga, 25/30 euro è il prezzo ideale.

Pronti per la stagione.
Con circa 70 euro spesi sarete vestiti alla moda, senza dover ricorrere all’abbigliamento da mercato ma a quello dei negozi, anche di alcuni dei marchi più in vista se avrete fortuna. Il trucco è molto semplice, come già detto all’inizio si deve puntare sugli accessori, poco costosi e molto chic. Perfetto, ora siete pronti ad affrontare al meglio la stagione.

28. May 2016 · Comments Off on Come Vestirsi per il Campeggio · Categories: Abbigliamento

Il campeggio può essere un’esperienza entusiasmante sia per i principianti sia per gli amanti di lunga data di questo modo particolare di intendere il viaggio ed il pernottamento. Bisogna però essere ben organizzati e preparati per resistere senza intoppi alla vita da campeggiatori. Vediamo in questa guida come vestirsi per fare campeggio.

Ricordati che la pioggia, insieme alle altre precipitazioni, non è l’unico “nemico” da temere. Ci sono località marittime, per esempio, dove durante il giorno le temperature raggiungono punte molto elevate, che si ribaltano durante la notte. Vestiti sempre a strati, in modo da adattare il tuo abbigliamento alla temperatura che di volta in volta dovrai affrontare.

Porta sempre con te in valigia un impermeabile ed una giacca o un maglione pesante, in caso di una imprevista discesa delle temperature o di precipitazioni abbondanti. Le scarpe dovranno essere molto comode, meglio se specifiche per le attività nella natura (come gliscarponi per le zone di montagna).

Non indossare mai scarpe nuove e mai messe prima o, perlomeno, porta con te un paio di scarpe di riserva in caso di dolore, scomodità e ferite provocate dalle calzature nuove. Se ti è possibile, informati sulle caratteristiche del campeggio in cui andrai chiedendo a persone che lo hanno già visitato. Non dimenticare, inoltre, di mettere in valigia occhiali da sole e cappellino per proteggerti dal sole in estate.